Aumentare la durata della batteria degli smartphone: alcuni suggerimenti e 10 App Android per ottimizzarla

10 Applicazioni per Android e alcuni consigli per mantenere la batteria carica più a lungo possibile negli smartphone, in generale, e su iPhone e cellulari Android in particolare.

Questo è un articolo importante per far luce su trucchi, miti e leggende riguardanti le batterie dei moderni smartphone che sembrano durare davvero poco. Ricordo qualche anno fa, quando avevo un cellulare Nokia Symbian, di come la batteria, almeno per un anno, durasse circa 3 giorni, anche usando il telefonino spesso. Oggi, il mio smartphone Android, se lasciato con le impostazioni di fabbrica, avrebbe un’autonomia di durata dalla mattina alla sera, costringendomi a metterlo in ricarica di nuovo. Anche tutti coloro che comprano un Apple iPhone nuovo lamentano una durata scarsa della batteria e questo discorso vale per tutti gli smartphone touchscreen moderni compresi gli iPad. Vediamo allora, anche col vostro supporto, di dare dei consigli per mantenere la batteria carica più a lungo possibile negli smartphone, in generale, e su iPhone e cellulari Android in particolare. Molti di questi suggerimenti sono legati al buon senso, qualcun’altro invece riguarderà fattori più tecnici che potranno essere comunicati alle persone meno esperte che, sicuramente, non leggeranno mai un articolo di questo tipo.

1) Tenere l’Iphone o lo smartphone Android lontano dal sole o fonti di calore. Buona regola per non rovinare il proprio cellulare touchscreen e di non dimenticarlo in macchina sotto al sole e di non lasciarlo sotto fonti di calore altrimenti la batteria si consumerà prima e si rovinerà velocemente. Cercare quindi di conservare il dispositivo e la batteria in un luogo fresco.

2) Una cosa che ho visto fare a pochi possessori di un iPhone o di altri smartphone è ridurre la luminosità dello schermo. Se si mantiene lo schermo alla massima luminosità tutto il tempo, si spreca un sacco di energia e la durata della batteria diminuisce drasticamente. Gli schermi cosi belli, grandi e ad alta risoluzione, sono davvero molto luminosi e brillanti ma, a meno che non si vogliano sfogliare foto o guardare video, conviene tenere la luminosità al minimo o quasi. Su iPhone, si può andare al menu Impostazioni che consiglio di tenere al 30%, sui cellulari Android invece si può installare un widget che consenta di modificare la luminosità, al volo, a seconda dell’uso in questi giorni sono così luminosi che comunque non si ha realmente bisogno, soprattutto di notte. Sconsigliata è la regolazione di luminosità automatica dello schermo.

3) Abbassare il tempo di spegnimento dello schermo a 30 secondi o 1 minuto massimo. Su iPhone si può impostare l’auto spegnimento dello schermo dal menu Generali -Autolock. Su Android il menu Impostazioni Display permette di configurare il timeout dello schermo. Fa una grande differenza se si mette in tasca il telefono dopo uno sguardo veloce e lo schermo si spegne in fretta.

4) Una cosa che non fa quasi nessuno è impostare la modalità Aereo la notte oppure quando non si vogliono ricevere telefonate o quando si gioca ad un videgioco senza voler essere disturbati. Siccome per usare la sveglia di un iPhone o di uno Smartphone Android, non lo si deve spegnere, bisogna però fare in modo che esso consumi meno batteria possibile. Con la modalità Aereo, di fatto, si spegne la ricezione del segnale e dei dati quindi il telefono rimane in standby consumando energia al minimo. Naturalmente questo impedirà di ricevere telefonate e messaggi che, la notte, è buona cosa. Anche quando si va al cinema oppure in posti dove il telefonino non prende, conviene impostare la modalità Aereo ed evitare che si sprechi energia alla continua ricerca di un segnale che non c’è. Sull’iPhone La modalità Aereo è nelle impostazioni mentre su Android si può mettere un widget sul desktop.

5) Utilizzare il WiFi invece della connessione 3G, se possibile. Secondo Apple, un iPad ha 10 ore di durata della batteria in condizioni di uso regolare con WiFi attivato, ma solo 9 ore se si utilizza la connessione 3G; in un iPhone la batteria dura solo 6 ore se connesso in 3G (leggi dal bloc Apple). La connessione Wifi consuma meno batteria del 3G.

6) Disattivare sempre il Wifi se ci si trova in ambienti non coperti da segnale wireless, disattivare il Bluetooth ed il GPS se non servono.

7) Disattivare la connessione fissa al 3G ed avviarla manualmente quando necessario. La connessione di rete ed il collegamento a internet succhia la batteria enormemente e, siccome quando si compra un iPhone o uno smartphone Android è impostata sempre la connessione automatica, suggerisco di disattivarla.

8 ) Se invece si preferisse lasciare sempre attiva la connessione, almeno, conviene ridurre o eliminare il controllo E-mail e la sincronizzazione del Calendario che consumano molta batteria. Questo chiaramente dipende dall’uso che si fa ma, in generale, si può impostare la frequanza di controllo mettendo una volta ogni 6 o 12 ore. Su iPhone si deve andare nel menu Impostazioni -> Mail, contatti, calendari -> Scarica nuovi dati. Su Android bisogna configurare le impostazioni Account e Sincronizzazione. Se non si usa ricevere Email dal cellulare, conviene disattivare il controllo automatico e farlo solo manualmente quando si vuole.

9) Ridurre o eliminare le notifiche Push
Le notifiche Push sono quelle che appaiono come fossero messaggi SMS, quando arriva una notifica Twitter o un messaggio da Facebook. Su iPhone ci sono tantissime applicazioni pronte a inviare notifiche push e non va bene. La notifica push è immediata, quindi il cellulare ha in esecuzione un servizio di ricezione sempre attivo. Si può risparmiare batteria disattivando le notifiche push per più programmi possibile, tranne, ovviamente, quelli necessari.

10) Ridurre o eliminare suoni di sistema
Il più scontato dei consigli, inutile sentire il rumore della tastiera o i beep di qualche evento. Disattivare anche le animazioni sullo schermo e gli screensaver animati sugli smartphone che hanno queta possibilità (Android 2.2).

11) Disabilitare servizi di localizzazione
Se non si ha realmente bisogno dei servizi di localizzazione automatica (e di sicuro nessuno ne ha bisogno), è possibile disattivarli per risparmiare la batteria. Su iPhone si deve andare nel menu Impostazioni -> Generali.

12) Disattivare la vibrazione nei giochi, nelle applicazioni e nel normale uso del telefonino per risparmiare batteria. Per ogni applicazione iPhone o Android e per i giochi c’è sempre l’opzione per disattivare la vibrazione. Soprattutto per iPhone, se si gioca molto, come si potrà facilmente notare, la batteria viene consumata molto velocemente.

13) Disattivare Ping, completamente inutile, da Impostazioni > Generali > Restrizioni > Abilita Restrizioni > Ping > OFF.

14) Su iOS5 bisogna disattivare anche icloud Sync, la funzione che consente di tenere i file sincronizzati online: Impostazioni > Generali > icloud > Off.

15) Disabilitare i report diagnostici e d’uso da Impostazioni > Generali > Info > Utilizzo di diagnostica > “Non inviare”.

16) Ciclo di ricarica:

  • Non far scaricare completamente la batteria tropo spesso e, soprattutto, mai lasciare il cellulare con la batteria completamente scarica per troppo tempo.
  • Ricordare che ricaricare una batteria al Litio mezza carica non ha conseguenze negative; molto meglio ricaricarla spesso che lasciare troppo spesso che si scarichi completamente.
  • Buona regola è scaricare e ricaricare completamente la batteria almeno una volta al mese.

Queste considerazioni valgono per iPhone, iPad, smarthpone Android, tutti i modelli di cellulari ed anche per i portatili.

Le 10 applicazioni Android per ottimizzare la durata della batteria

1) Juice Defender è l’applicazione principale di questa lista che tutti dovrebbero installare su un telefonino Android. JuiceDefender – Battery Saver è una potente app che estende la durata della batteria di Android disattivando automaticamente le funzioni, in base al livello di carica. Ad esempio, esso disabilita la connessione di rete quando il cellulare è in standby e la riabilita automaticamente se si blocca lo schermo. La versione gratuita funziona egregiamente anche se è un po’ limitata rispetto la versione a pagamento, decisamente completa. Dopo l’installazione, basta tenere Juice Defender col profilo bilanciato e non toccare nulla. Esso agisce in background e si dovrebbe notare una sensibile diminuzione del consumo di batteria durante la giornata. L’unico effetto collaterale è che se si usano applicazioni come Viber o Whatsapp esse potrebbero non funzionare correttamente nelle notifiche dei messaggi quando viene disabilitata la rete.

2) ES Monitor di sistema è un task manager per Android davvero completo che permette di abilitare alcune ottimizzazioni automatiche. Le funzioni più importanti sono due. Premendo il tasto menu, si può usare il Gestore di avvio per decidere quali programmi e applicazioni disattivare quando si accende il cellulare (solo su telefoni sbloccati con root). La seconda funzione è fondamentale per risparmiare sulla batteria e si trova nell’ottimizzatore alimentazione. Andando nella scheda Others, si può configurare La modalità Aereo Automatica che provoca un netto risparmio della batteria la notte, senza spegnere il cellulare. Si può quindi configurare un orario di inizio ed uno di fine per la modalità Aereo che disattiva tutte le connessioni, telefono compreso.

3) Dr Battery saver è un’altra applicazione gratuita che migliora la durata della batteria come fa anche ES. Si possono quindi terminare i processi, regolare la luminosità di schermo ed il volume, spegnere Wi-Fi, il GPS, il Bluetooth, la sincronizzazione automatica ecc. La sua funzione più importante è la calibrazione della batteria che ne estende la durata assicurando un ciclo completo di ricarica.

4) Easy Battery Saver è una piccola app free per Android facile da usare per ottimizzare la durata della batteria. Si tratta di un’altra app alternativa capace di gestire le connessioni, la luminosità e la modalità schermo spento.

5) Risparmio Batteria Con Un Tocco è un widget da aggiungere al desktop Android che è un pulsante da premere quando la batteria sta esaurendo la sua carica. Esso consente di estendere la carica disattivando in un colpo solo tutte le connessioni Wi-Fi, Bluetooh, GPS, luminosità, vibrazioni e sincronizzazione.

6) Green Power Free è invece un’applicazione automatica che permette di risparmiare batteria senza doversene preoccupare. Esso abilita o disabilita la connessione Wi-Fi, dati mobili e Bluetooth quando non sono usati ed anche quando nessuna applicazione attiva sta usando le connessioni.

7) Battery Booster serve a monitorare lo stato della batteria e leggere tutte le informazioni tecniche relative alla carica, alla capacità, alla temperatura, la tensione ecc.

8 ) 2x Battery – Battery Saver estende la vita della batteria dello smartphone Android in modo automatico e intelligente, disattivando le connessioni dati e 3G quando il cellulare va in standby che però rimane attiva nel caso ci sia la sincronizzazione di qualche applicazione.

9) Battery Defender permette di configurare alcuni profili di risparmio energetico: uno generale, uno per la notte ed uno per quando la carica di batteria è sotto il 30%. Il passaggio da un profilo all’altro è automatico se essi sono attivati.

10) Per finire, chi ha il cellulare sbloccato dovrebbe certamente installare CPU Tuner, una delle principali applicazioni per cellulari Android sbloccati con Root. Con CPU Tuner si possono configurare profili per cui, a seconda del livello di carica della batteria, il telefono farà più uso (overclock) e meno uso (downclock) della potenza del processore.

Utilizzando una o più applicazioni di questo tipo a seconda delle preferenze, si può davvero aumentare l’autonomia del telefono Android di un buon 50% se non di più.

Fonte | navigaweb.net

Aumentare la durata della batteria degli smartphone: alcuni suggerimenti e 10 App Android per ottimizzarla ultima modidfica: 2012-02-20T14:21:09+00:00 da Electropage
Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione.
Scorrendo questa pagina senza modificare le impostazioni dei cookie, cliccando su un
elemento o su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi