Le novità più interessanti: USB Dockingstation per Samsung Galaxy S3 Cerchi ricambi per iPhone? Rivolgiti a sifar.it Casino-rivista.it App spia per Android e iPhone

BlueStacks, come far girare Android su Windows

BlueStacks ed è un software di virtualizzazione pensato per far girare Android su Windows. L'obiettivo di BlueStacks è quello di funzionare da layer di virtualizzazione fra le app Android acquistate sul Market e l'hardware gestito da Windows.

Pubblicato il 15 ottobre 2011 in Software
Condividi

Si chiama BlueStacks ed è un software di virtualizzazione pensato per far girare Android su Windows. L’obiettivo di BlueStacks è quello di funzionare da layer di virtualizzazione fra le app Android acquistate sul Market e l’hardware gestito da Windows, una funzione che ad esempio permette di fare un uso nativo della webcam istallata sull’OS Microsoft dall’interno di una app di chatting video per Android. Il runtime scritto per l’architettura x86 supporta tastiere, mouse e touchpad, come fa l’emulatore PC ufficiale dedicato ai test degli sviluppatori Google.

BlueStacks una volta installato mostrerà un video tutorial per capire il funzionamento del programma, successivamente andrà a posizionare un widget in alto a destra sul dekstop dove sono presenti una serie di app preinstallate. Dal sito ufficiale è possiblie scaricare il file per Windows 7 con all’interno già preinstallate 10 applicazioni e avrete la possibilità di aggiungere fino a 26 app.

BlueStacks, come far girare Android su WindowsLe applicazioni sono fluide, rapide e senza nessun intoppo. Si possono visualizzare a dimensione normale, aumentata ed anche a schermo intero. Per poter provare altre app bisogna collegarsi con Facebook e scegliere tra varie featured apps. Per chi invece vuole provare le proprie app può usare il sistema Cloud Connect, che tramite l’installazione di un’applicazione sul proprio dispositivo Android, permette di passare rapidamente un app installata sul proprio smartphone o tablet direttamente al programma su Windows sincronizzando il proprio device.

Impressioni
Come funziona realmente l’Alpha release di Bluestacks? Prima di tutto si installa come gadget e non come un vero software, accessibile cliccando sul famoso robottino verde posizionato nella parte alta del desktop. In aggiunta si mette in background per gestire la propria cloud di connessione e scaricare le app dal Market o da un device sincronizzato. Solo alcune app sono compatibili però, diciamo circa la metà di quelle disponibile sul Market Android. Alcune app per Froyo funzionano ma non in maniera ottimale. Nella parte in basso di ogni app ci sono i comandi per back, menu, rotazione, zoom e home. E’ come avere una console con sistema Android sul PC, con la possibilità di accesso ad internet per condividere, ad esempio su Twitter i risultati dei giochi o semplicemente per chattare su Facebook.

BlueStacks, come far girare Android su WindowsCome spiega il co-ideatore Rosen Sharma, l’idea è venuta vedendo quelle persone che desiderano gestire applicazioni su diversi dispositivi anche se di sistema diverso. Molto interessante la funzione cloud per installare le app ma è presente anche un apk Handler che permette di farlo manualmente via PC, scoprendo così piano piano quali siano le app compatibili. Secondo gli sviluppatori BlueStacks promette di unire il lavoro di Windows e il gioco di Android su un’unica piattaforma, ma al momento, anche volendo tralasciare le facili critiche sulla dubbia utilità di usare il software di un sistema operativo mobile su Windows, appare improbabile che le app pensate per smartphone o al più tablet, tutte touch, possano risultare particolarmente accattivanti su PC.

Per scaricare Bluestacks ecco il link ufficiale. In futuro BlueStacks lancerà una versione a pagamento per fornire agli utenti una scelta più ampia e qualitativamente migliore. Nella roadmap sarà prevista anche la versione per Mac. Naturalmente questa è la prima versione alpha, ancora in buona parte un test per gli sviluppatori che servirà per correggere eventuali bug. Il peso del download è di 120Mb circa, questo è dovuto alla creazione di una macchina virtuale sul sistema e dei relativi drivers installati.

Articoli correlati

Lascia un commento