Bulldozer, ecco le nuove CPU ad alte prestazioni di casa AMD

Bulldozer, ecco le nuove CPU ad alte prestazioni di casa AMD. Compatibili con Chipset 900, socket AM3+, Nvidia SLI e ATI Crossfire. Prezzi e versioni disponibili.

AMD ha presentato la nuova architettura per processori chiamata Bulldozer. Il nome già la dice lunga sulle intenzioni di AMD: farsi sotto all’acerrimo rivale Intel e spianarlo nel settore delle CPU ad alte prestazioni per computer desktop, server e workstation. E le intenzioni non sono campate in aria, le condizioni per farlo ci sono tutte: 3,5 gigahertz, processo produttivo a 32 nm e un TurboCore di seconda generazione, rappresentano una grossa scommessa per Advanced Micro Devices. La seconda metà dell’anno potrebbe quindi restituirci una AMD in testa sotto il profilo del prestazioni e con una Intel ad inseguire. Ad ogni modo non vediamo l’ora di saggiare le qualità del progetto Bulldozer, perché dopo anni di tanta (e troppa) fatica nella lotta con Intel, AMD potrebbe tornare a essere più competitiva anche sul fronte delle prestazioni e dei consumi, grazie al passaggio al processo produttivo a 32 nanometri. Interessante la scelta di suddividere l’architettura di questa nuova CPU in moduli, che possono essere considerati come due core con uno scheduler in virgola mobile a 128bit FMAC e due gruppi da 4 pipeline con cache L1 dedicata e cache L2 condivisa.

amd bulldozerLa prima CPU basata su Bulldozer sarà destinata al mercato server e farà parte delle piattaforme Opteron “Interlagos” e “Valencia”. L’architettura Bulldozer dovrebbe, il condizionale è d’obbligo, consentire alle nuove CPU AMD Zambezi a 8 core di raggiungere prestazioni fino al 50% superiori rispetto ai processori Core i7 950 (4 core, 8 thread) e Phenom II X6 1100T (6 core).

Caratteristiche tecniche di Bulldozer
model bulldozerLe CPU Zambesi con architettura Bulldozer, saranno prodotte con il nuovo processo produttivo a 32nm SOI in configurazioni 4-6-8 core. Saranno le prime CPU 8 core prodotte in un unico die monolitico. I nuovi processori al debutto saranno 4, FX8130P, FX8110, FX6110 e FX4110, con un numero di core variabile da 8 a 4 in base al modello, cache di secondo livello di 2MB per modulo e L3 sino a 8MB, memory controller integrato con supporto a DDR3 con frequenza di 1866MHz, il TDP sarà compreso tra 95 e 125W, non si conoscono le frequenze operative. Molto interessante il prezzo di lancio, 190$ per il modello FX4110, 240$ per il modello FX6110, 290$ per il FX8110 e 320$ per il top di gamma FX8130PLe prime CPU dovrebbero arrivare per il secondo quarto del 2011 e saranno compatibili con la nuova serie di chipset 900 e socket AM3+.

Caratteristiche tecniche Chipset 900
cpu bulldozerAll´inizio i chipset saranno 3 e andranno a coprire tutte le fasce di prezzo, con la versione 990FX per il segmento Enthusiast, il 990X per il segmento Mainstream e il 970 per il segmento Entry. Le versioni 990 saranno compatibili con lo standard CrossFire ed Nvidia SLI. La versione 990FX supporterà configurazioni 2 per 16x o 4 per 8x linee PCiEx 16x 2.0 per configurazioni fino a 4 schede più una linea 6×1 e una 1×4. Il TDP max sarà di 19.6W e sarà associato al southbridge SB950. La versione 990X supporterà solo configurazioni dual VGA con configurazione del PCiEx 2 per 8x e sei linee 1x. Il TDP scende a 14W ma avremo sempre l´SB950 come southbridge.

La versione 970 invece non supporta configurazioni multischeda e avremo quindi un unica linea PCi Ex 16 più sei linee 1x, un TDM di 13.6W e la possibilità di associare sia un southbridge SB950 che un SB920. Tutte le versioni supportano l´IOMMU (Input/Output Memory Management Unit) che traduce gli indirizzi virtuali in indirizzi fisici e sarà utilizzato per la virtualizzazione delle I/O. Il Southbridge offrirà pieno supporto al nuovo standard Sata 6Gbps con configurazioni RAID 0, 1, 10, 5 (RAID 5 compatbile solo con SB950) e connessioni sia USB 2.0 che USB 3.0. Le CPU Bulldozer punteranno soprattutto a ridurre il consumo energetico e saranno compatibili anche con il socket delle nuove piattaforme server G34, saranno dotate di funzione Power Gating in grado di spegnere selettivamente ciascun core X86 per risparmiare energia. Ogni modulo dual-core di Bulldozer sarà dotato di 213 milioni di transistor e 2 megabyte di cache L2, in una superficie di soli 31 mm. La condivisione di risorse (istruzioni fetch, FPU, cache L2 e unità di decodifica) tra i vari moduli consentirà di aumentare le prestazioni.

performance amd buldozer Bulldozer e supporto a Nvidia multi-GPU SLI
Nvidia ha confermato che le schede madre con chipset AMD della serie 900 saranno compatibili con la tecnologia multi-GPU SLI. In questo modo sarà possibile realizzare sistemi con processori AMD Bulldozer e più schede video della casa di Santa Clara. “Crediamo sia il momento giusto per offrire la compatibilità tra le CPU AMD e la tecnologia SLI”, ha dichiarato Nvidia. “Vogliamo assicurarci che i videogiocatori possano avere un settore CPU nuovamente competitivo e usare la tecnologia SLI. Secondo Steam, il 93 percento di tutti i sistemi multi-GPU in uso attualmente è basato su Nvidia SLI”. “Siamo lieti di annunciare che lo SLI è stato concesso in licenza alle principali aziende del settore schede madre in modo che possano integrare la tecnologia sui loro futuri prodotti basati sui chipset 990FX, 990X e 970. Asus, Gigabyte, ASRock e MSI sono tra le prime aziende che offriranno motherboard con questa nuova capacità, ma altre aziende seguiranno presto”. Si tratta di un’ottima notizia per gli appassionati di videogiochi o chi lavora pesantemente con la grafica e usa più schede video. Questo annuncio potrebbe essere inoltre un ulteriore segno positivo della competitività delle nuove CPU desktop di AMD a 32 nanometri.

Bulldozer, ecco le nuove CPU ad alte prestazioni di casa AMD ultima modidfica: 2011-05-24T18:19:16+00:00 da Electropage
Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione.
Scorrendo questa pagina senza modificare le impostazioni dei cookie, cliccando su un
elemento o su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi