Google Drive, guida al Cloud Storage

Google Drive è un ottimo servizio di Cloud Storage per PC e device Android, che offre 5GB di archiviazione gratuita e la possibilità di collegare tutti i servizi di Google, compreso Docs offline

I servizi di Cloud Storage, da qualche tempo a questa parte, stanno spopolando. La comodità di questi servizi è disarmante, sopratutto per chi possiede diversi dispositivi da cui vuole poter utilizzare gli stessi documenti, senza dover necessariamente trasferire i file su ogni dispositivo. E oggi tutti possediamo svariati dispositivi, dai normali computer fissi o portatili, passando ai tablet e finendo con gli smartphone. E proprio quest’ultimi, pur essendo diventanti dei veri e propri computer, posseggono poco spazio a disposizione, che grazie al Cloud Storage, viene enormemente aumentato. Sono vari i servizi che nel tempo sono stati creati, perfezionandosi di anno in anno, aggiungendo numerose funzioni atte a migliorare la comodità di utilizzo degli stessi e a semplificare il tutto, per permettere a chiunque di utilizzarli. Prima è stato il turno di Dropbox, poi quello di Windows SkyDrive e ora invece, è arrivato il momento di Google Drive. In molti lo aspettavano, perchè si sa che Google è sinonimo di comodità, efficienza e sopratutto qualità. 

Google Drive, guida al Cloud StorageA differenza dei suoi concorrenti, Google Drive riesce a supportare nativamente, e quindi a svolgere a meglio il suo compito, Google Docs, gli smartphone, i tablet Android e gli altri servizi della societàDa non dimenticare la disponibilità degli add-on e dei plugin per Chrome offerti da Google e creati da sviluppatori di terze parti, oltre che per lo stesso Google Drive, che permettono di migliorare le caratteristiche dell’ applicazione. Tuttavia, anche se gli utenti medi utilizzano poco i plugin e gli add-on, i prodotti di Google di per se sono stupefacenti e non ci vuole molto a riconoscerlo. Per capire le caratteristiche di Google Drive a fondo, abbiamo compilato una dettagliata guida, per aiutare gli utenti più inesperti a prendere confidenza con questo nuovo servizio della società di Mountain View.

Google Drive, caratteristiche

Innanzitutto, prima di passare oltre, ricordiamo che con Google Drive è possibile caricare fino a 30 diversi tipi di file. Questi includono estensioni per documenti, video, musica, immagini e tanto altro ancora. Il Chrome Web Store vi aiuterà ad aumentare la produttività complessiva di Google Drive. L’ assistenza di Google Documents offline ci consentirà di accedere a tutti i file non in linea, in modalità di sola lettura. Per prima cosa, ovviamente, dovremo scaricare Google Drive su PC e su un dispositivo AndroidUna volta scaricato sul PC, vi verrà chiesto di inserire il vostro indirizzo email e la password per collegare il programma con l’account principale di Google. Inserendo le credenziali di accesso, vi verrà chiesto di autentificare il proprio account tramite SMS, dove vi verrà inviato un PIN da inserire, o tramite la conferma al proprio indirizzo e-mail.

L’installazione creerà anche una cartella sul PC (ad esempio su Windows 7 avremo C:\Users\nome utente\Google Drive). Nel caso in cui si disponga già di documenti archiviati su Google Docs, questi saranno sincronizzati al PC automaticamente. In questa cartella è possibile copiare e incollare cartelle, file e altro ancora. Come accennato in precedenza, Google Drive offre un accesso in sola lettura offline ai documenti archiviati. Per fare questo gli utenti devono scaricare un plugin chiamato Chrome Docs web app (funziona solamente con il browser Google Chrome). Per fare questo, andiamo sul simbolo dell’ ingranaggio sul lato in alto a destra del programma (chiamato dai più come pulsante delle Impostazioni), e da qui spuntare su Documenti Offline

Google Drive, guida al Cloud StorageDopo aver cliccato sulla spunta, il programma vi chiederà di consentire l’autorizzazione e l’installazione di Chrome web app. Ora è possibile accedere a tutte le applicazioni non in linea da Google Docs. Se invece siete connessi ad internet, verrete automaticamente reindirizzati al proprio account Google Drive. Se avete aggiunto i file, questi verranno automaticamente sincronizzati su Google Drive. Gli utenti però volendo, possono mettere in pausa la sincronizzazione dal menu del riquadro Attività. Potremo controllare le opzioni che consentono di controllare la sincronizzazione, dall’ opzione Preferenze, disponibile sempre in Impostazioni. Se le cartelle sincronizzate dal proprio computer sono tante, conviene disattivare la sincronizzazione, per evitare di scaricare inutilmente file che al momento non servono.

Gli utenti possono anche visualizzare video o ascoltare musica dal browser web o dal proprio account, direttamente in streaming. Le cartelle possono essere aperte o visualizzate per avere ulteriori dettagli. L’ apertura della cartella permetterà di vedere un riquadro di anteprima e vedere l’elenco di tutti i documenti, file, o video presenti all’interno della cartella stessa. In alto a sinistra invece, gli utenti possono cliccare sul segno + per aggiungere documenti o crearli, creare presentazioni, disegnare, aprire o creare dei fogli di calcolo in Excel. Da qui potremo ancora condividere i file direttamente dall’ applicazione per Android. Inoltre è possibile spostare i file da una cartella all’altra, in modo semplice e veloce. Per farlo potremo trascinare e rilasciare i file da un posto ad un altro direttamente dall’ account Google Drive, per gestirli al meglio. Tutte le applicazioni web per Google Chrome sono disponibili all’indirizzo: https://chrome.google.com/webstore/category/collection/drive_apps . Anche se lo store online sembra avere poche applicazioni, basterà fare una rapida ricerca tramite la barra per vedere che non è così.

Concludendo, l’applicazione è ottima ed essendo un prodotto di Google, non potevamo aspettarci diversamente. Creando un account, avremo a disposizione gratuitamente 5 GB, che volendo potremo espandere a pagamento. E’ vero che ci sono servizi che regalano molto più spazio a disposizione, come il tanto discusso Mega di Kim Dotcom, che ne regala 50 o i più blasonati servizi di Cloud Storage confrontati da noi poco tempo fa, ma in compenso Google Drive ha una cosa che nessun altro servizio di questo tipo può riuscire a replicare facilmente e che non è da sottovalutare, cioè la piena compatibilità con tutti i servizi di Google, che quindi permettono all’utente di poter accedere a tutte le funzioni con un solo account, da Google Documents, da cui potremo prendere tutti i file già caricati in passato, alla nostra email, Youtube e tanto altro. Infatti secondo Google, nei prossimi anni, si cercherà di collegare e riunificare il più possibile questi servizi, che quindi diverranno dipendenti l’uno dagli altri a vantaggio dell’ utente finale.
Scarica Google Drive

Google Drive, guida al Cloud Storage ultima modidfica: 2013-03-01T15:17:02+00:00 da Electropage
Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione.
Scorrendo questa pagina senza modificare le impostazioni dei cookie, cliccando su un
elemento o su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi