Guida all’uso e caratteristiche di Ubuntu 11.04 Natty Narwhal

Guida all'uso e caratteristiche di Ubuntu 11.04 Natty Narwhal. Download guida in italiano del nuovo sistema operativo Linux di Canonical.

Canonical ha rilasciato la nuova realease Ubuntu 11.04, battezzata Natty Narwhal in versione desktop e server con grandi novità: un’interfaccia originale e del tutto rinnovata, nuovi software e una maggiore integrazione con i servizi di cloud computing offerti dall’azienda. Ubuntu 11.04 include modifiche kernel e driver per supportare i nuovi hardware e importanti novità software. Natty Narwhal è basata sul kernel Linux 2.6.38, l’interfaccia grafica passa a Unity al posto del noto GNOME, ritenuto particolarmente adatto per i più piccoli schermi touchscreen. Shuttleworth, il fondatore di Ubuntu, ha motivato la sua scelta nei confronti della nuova interfaccia: “Gli utenti vogliono Unity come desktop principale”. Intervistato successivamente alla sua presentazione, lo stesso ha aggiunto che Dell è pronta a supportare l’iniziativa, e che ci sono accordi in tal senso anche con altre grandi aziende costruttrici di PC come Lenovo ed Acer.

ubuntu 11.04 natty narwhal guida trucchi tips&tricks

Clicca sull'immagine per scaricare la guida in formato .pdf a Ubuntu 11.04 Natty Narwhal

Inoltre pare che la decisione di effettuare questo cambiamento dalla prossima release, sia stata dettata dalle opinioni sempre più divergenti tra gli sviluppatori di GNOME ed il team di Canonical su come dovrebbe essere e come dovrebbe operare un’interfaccia desktop. Shuttleworth ha comunque promesso che, nonostante le differenze, gli utenti delle edizioni desktop di Ubuntu dovrebbero avere pochi problemi con la nuova interfaccia: molti elementi di GNOME continueranno ad essere utilizzati e Unity dovrebbe consentire l’esecuzione di tutte le applicazioni GNOME senza modificarle. Graficamente la nuova interfaccia di Ubuntu 11.04 ha fotto molto discutere, è uno strano mix fra il look Apple e uno stile smartphone, ma senza rinunciare al menu di avvio in chiave Windows. I classici menu si nascondono fino quasi a scomparire e le icone dei programmi, sia attivi sia da lanciare, vengono raccolti in una barra collocata lungo il lato sinistro dello schermo chiamata launcher. Nella parte destra della barra superiore troviamo le classiche icone delle recenti versioni di Ubuntu, tra cui connessione di rete, volume, orario ed il pulsante di spegnimento. Questa barra acquisisce le proprietà della finestra attiva mostrandone i relativi menu, proprio come avviene su Mac OS X.

Ubuntu 11.04Cliccando sul logo di Ubuntu in alto a sinistra si apre una grande finestra semitrasparente con i collegamenti rapidi. In basso a destra troviamo anche un pulsante che consente di espanderla a tutto lo schermo disponibile.

ubuntu 11.04 screenshootIn alto troviamo una barra di ricerca intelligente: il testo digitato consente di trovare rapidamente le applicazioni installate sul nostro PC. Per installare rapidamente una nuova applicazione possiamo cliccare su Altre applicazioni. La finestra ci mostra le applicazioni usate più frequentemente, alcune applicazioni installate ed alcune applicazioni disponibili. Se vogliamo installare un nuovo programma basta digitarne il nome nella barra di ricerca per trovare il programma e cliccando sulla relativa icona, automaticamente si aprirà l’Ubuntu Software Center dal quale è possibile installare il software. La launch bar di sinistra presenta elementi di notevole interesse. In essa troviamo già alcuni lanciatori predefiniti, che consentono di avviare le applicazioni con un click del mouse. L’uso di Ubuntu con l’interfaccia Unity, che si attiva solo se l’hardware del Pc è abbastanza potente da supportarla e ha i giusti driver, è piacevole, nonostante diverse imperfezioni e prestazioni non eccezionali su computer non recenti. Le icone sono gradevoli, gli effetti eleganti, lo spazio del desktop ben organizzato. Se si desidera, basta un clic per tornare all’Interfaccia classica.

Software
Qui si ha davvero l’imbarazzo della scelta. I sviluppatori di Canonical ovviamente, hanno selezionato il meglio. Il browser utilizzato da Ubuntu 11.04 è Mozilla Firefox aggiornato all’ultima versione disponibile, la gestione di documenti, scrittura, disegno e quant’altro e svolta egregiamente da LibreOffice (il vecchio OpenOffice ora acquisito da Oracle) che non fa rimpiangere assolutamente il classico Microsoft Office. Gwibber è invece un ottimo gestore di social network particolarmente adatto agli abituali fruitori di Facebook e Twitter. Come lettore multimediale audio/video troviamo l’ottimo Banshee, affermato riproduttore multimediale adatto anche per sincronizzare diversi player di altri O.S. per smartphone di casa Android ed Apple, nonchè di acquistare musica da Amazon o dal servizio Ubuntu One Music Store, scaricare copertine degli album automaticamente, abbonarsi a podcast, ascoltare radio online. Gli aggiornamenti dei programmi installati, sono gestiti invece da Software center, che permette gli aggiornamenti automatici dei programmi e ne notifica quando disponibili di nuovi. Da menzionare sicuramante anche Ubuntu One, di cui è disponibile anche una versione di test per Windows, che permette sia di sincronizzare file online e tra computer diversi, sia, attraverso un’applicazione per Android e iPhone, di riprodurre i propri file musicali in mobilità dal cellulare, attraverso una connessione 3G o Wifi.

Screenshot Ubuntu 11.04Hardware
Dal punto di vista dei nuovi hardware Ubuntu 11.04 supporta, sia nella versione server che in quella desktop, i processori di fascia alta XEON E7 Westmere-EX e quello di fascia bassa Sandy Brdige-DT Xeon E3, così come i combo chip AMD Fusion CPU-GPU. Manca ancora, invece, il supporto per i futuri processori Opteron “Valencia” e “Interlagos” basati sui core Bulldozer. Particolare attenzione poi è stata data al cloud: Ubuntu ha preannuciato un servizio cloud based della versione 11.04 che dovrebbe seguire di qualche tempo il lancio ufficiale. “Le persone che gestiscono cluod private – ha detto Steve George, vicepresidente Canonical – inizieranno a lavorarci sul serio nei prossimi anni”. La nuova release di Ubuntu ha grosso modo la stessa autonomia di utilizzo e gli stessi tempi di avvio come si nota dai grafici riportati dei test effettuati da Punto Informatico.

Tempi avvio Ubuntu 11.04Autonomia batteria Ubuntu 11.04

Ubuntu Server Edition
Anche nella versione server supporto extra è stato previsto per le funzionalità touch screen, con l’implementazione di diverse gesture. La nuova Ubuntu Server Edition fornisce un’ottima piattaforma per sviluppare server con i maggiori servizi internet: mail, web, DNS, server di file o database. Un aspetto chiave, portato in eredità da Debian, è la sicurezza. Il server Ubuntu, dopo l’installazione, non presenta alcuna porta aperta verso l’esterno e contiene solamente il software necessario a un server sicuro. Alcune delle novità introdotte nell’ultima versione Ubuntu per server sono un tempo di avvio migliorato, Linux kernel 2.6.32, supporto al filesystem Ext4, cloud computing tramite Eucalyptus, migliore supporto KVM, supporto Microsoft Exchange, supporto per installazioni OEM, LAMP in modo semplice (Linux, Apache, MySQL e PHP). In soli 15 minuti, il tempo richiesto per il completamento di una installazione della Server Edition, è possibile avere un server LAMP funzionante. Questa caratteristica, disponibile solamente per la Server Edition, è selezionabile in fase di installazione. In questo modo si semplifica il lavoro di installazione e integrazione di ogni singolo componente del server LAMP, un processo che può richiedere ore e competenza nella configurazione di ogni singola applicazione. I benefici sono una maggiore sicurezza, un tempo di installazione ridotto, un ridotto rischio di mal configurare il server, semplicità negli aggiornamenti. Il tutto risulta in un minor costo di gestione.

Guida all’uso e caratteristiche di Ubuntu 11.04 Natty Narwhal ultima modidfica: 2011-05-20T18:37:28+00:00 da Electropage
Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione.
Scorrendo questa pagina senza modificare le impostazioni dei cookie, cliccando su un
elemento o su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi