OnePlus 5T, ecco i miglioramenti introdotti

Il nuovo OnePlus 5T migliora la versione precedente grazie a display e fotocamera nuovi, mantenendo però un prezzo sempre molto interessante

Il nuovo OnePlus 5T è probabilmente uno dei migliori device che si possono acquistare intorno ai 500 euro, l’azienda, che continua a vendere i suoi dispositivi esclusivamente online, conferma e migliora ancora di più la precedente generazione cambiando display e fotocamera ma mantenendo pressoché immutato il design. Con OnePlus 5T ci troviamo di fronte ad un ottimo smartphone, che unisce elevate prestazioni e una buona qualità costruttiva ad alcuni compromessi necessari per mantenere il prezzo più basso rispetto ai dispositivi di punta di case produttrici primarie come Apple e Samsung.

Si potrebbe definire OnePlus 5T come un device di fascia medio-alta dotato però di alcune interessanti caratteristiche tecniche che lo rendono appetibile anche al pubblico enthusiast. Iniziando ad analizzare il design di OnePlus 5T si nota subito la qualità costruttiva, con il corpo realizzato interamente in alluminio anodizzato nero dalle dimensioni complessive di 156.1 x 75 x 7.3 mm e un peso pari a 162 grammi. In basso sono presenti l’altoparlante singolo, la porta USB-C e il jack standard per le cuffie.

Il display AMOLED da 6 pollici dal formato 18:9 occupa gran parte del lato anteriore del device (screen to body 80.5%), gli angoli sono arrotondati e la cornice è molto sottile. La risoluzione è di 2160 x 1080 pixel a 401 ppi, gli angoli di visione sono ampi, i colori ricchi e saturi al punto giusto mentre la luminosità è molto buona in ogni condizione di luce. Lo scanner delle impronte digitali è disponibile sul retro di OnePlus 5T, come nei telefoni LG, è veloce e funziona in modo affidabile. OnePlus ha introdotto anche la funzione di sblocco 2D tramite il volto, una tecnologia che sta prendendo piede nell’ultimo anno, che però ha bisogno di un maggiore sviluppo rispetto al Face ID di Apple. In particolare la tecnologia di OnePlus non è sempre affidabile soprattutto se viene messa la camera fuori angolo o se si avvia il riconoscimento facciale con scarsa illuminazione o tenendo gli occhi chiusi.

   

Purtroppo manca la certificazione IP per la resistenza alla polvere e all’acqua, una piccola pecca che però per qualcuno può essere importante. Molto bene invece la possibilità di poter utilizzare una seconda SIM in formato Nano nell’apposito slot nel caso si voglia essere reperibili su due numeri diversi, peccato che ciò va a discapito dell’espandibilità della memoria interna che non può essere ampliata tramite scheda micro SD. Molto buona l’autonomia della batteria da 3.300 mAh che arriva ad una giornata piena anche se scende leggermente rispetto alla versione precedente, una performance peggiore molto probabilmente dovuta la display più grande. C’è comunque la possibilità della ricarica rapida, in grado di arrivare a caricare metà batteria in circa 30 minuti. Purtroppo questa funzionalità è possibile solamente con il caricabatteria originale OnePlus.

Per quanto riguarda le caratteristiche hardware, troviamo una CPU Octa Core Qualcomm Snapdragon 835 a 2.45 GHz di frequenza massima, GPU Adreno 540 affiancato a 6 GB e 8 GB di RAM e 64 GB o 128 GB di spazio di archiviazione. Le fotocamere posteriori sono due, una è da 16 megapixel con apertura focale f/1.7, mentre la seconda è da 20 megapixel sempre con apertura focale f/1.7 che aiuta l’altra in condizioni di scarsa luminosità grazie alla tecnologia Intelligent Pixel. Le foto sono di buona qualità, senza particolari problemi si riescono a fare buoni scatti in tutte le condizioni di luminosità e anche di notte grazie al secondo sensore.

Interessante la modalità PRO della fotocamera che offre la possibilità di salvare le foto in formato RAW e gestire in maniera manuale il bilanciamento del bianco, ISO e massa a fuoco. La fotocamera frontale è invece da 16 megapixel con apertura f/2.0, un’eccellente qualità per gli amanti dei selfies. Il sistema operativo è Android 7.1.1 con interfaccia OxigenOS 4.7.1, presto arriverà anche Android 8.0. I prezzi partono da 499 euro per OnePlus 5T 64 GB e 6 GB di RAM a 539 euro per il taglio da 128 GB e 8 GB di RAM.

OnePlus 5T, ecco i miglioramenti introdotti ultima modidfica: 2017-12-09T18:13:13+00:00 da Electropage
Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per una migliore navigazione.
E' possibile abilitare e disabilitare i cookie in qualsiasi momento. Cliccando su "Accetta"
permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni sui cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi