Guida al dual boot di Windows 7 e Linux Ubuntu

Questa guida vi aiuterà nell'installazione in dual boot di windows 7 o Vista con la distribuzione Ubuntu di Linux. La guida servirà per effettuare le operazioni preliminari di preparazione di partizioni dell'hard disk e la gestione dei relativi file system.

Abbiamo deciso di pubblicare questa guida reperita in rete per aiutavi nell’installazione in dual boot di windows 7 o Vista con la distribuzione Ubuntu di Linux. La guida servirà per effettuare le operazioni preliminari di preparazione delle partizioni dell’hard disk e la gestione dei relativi file system. Tutto quello che serve è Windows installato sul proprio sistema e il dvd dell’ultima versione di Ubuntu che andremo ad installare successivamente dato che quest’ultimo sovrascriverà l’MBR con il bootloader Grub. Ma vediamo nel dettaglio i passi da eseguire.

Come creare una partizione nell’hard disk per Ubuntu
Andate in “Logo Windows”, “Pannello di controllo”, “Sistema e sicurezza”. A questo punto, individuate la voce “Strumenti di amministrazione” e, subito sotto, cliccate su “Crea e formatta le partizioni del disco rigido“. Comparirà una finestra che illustra lo stato del vostro hard disk. Generalmente, le partizioni già create dovrebbero essere suddivise in modo simile a come appaiono nello screenshot qui sotto.

Hard Disk Partizioni Windows 7 Windows Vista

Come potete vedere, è presente una partizione o volume, chiamata “(C:)“, caratterizzata da un file di sistema di tipo “NTFS” e un volume chiamato “System Reserved“, anch’esso avente un file di sistema di tipo “NTFS”. La partizione “(C:)“, contiene il sistema operativo (che nel nostro caso è Windows 7 o Windows Vista), mentre la seconda partizione, come dice anche il nome stesso, contiene dei file di sistema molto importanti, che non devono essere modificati per nessun motivo. In alcuni casi, può anche essere presente una partizione chiamata “Recovery (D:)”. Non dovete modificare nemmeno questa partizione in quanto vi può servire per riportare il computer allo stato di fabbrica (quindi come appena comprato), nel caso un giorno aveste dei problemi e non siete molto esperti con il PC. Come detto all’inizio, dovete creare lo spazio necessario per poter installare Ubuntu sul vostro hard disk. Ecco come fare.

Come ridurre la partizione di Windows con il tool integrato
Individuate la partizione che contiene il sistema operativo Windows, indicata così “(C:)“. Nello screenshot che vi ho inserito precedentemente, è quella evidenziata in blu. Dopo averla trovata, cliccateci sopra una volta con il tasto sinistro del mouse in modo tale da evidenziarla. Ora, cliccateci sopra con il tasto destro del mouse e poi cliccate su “Riduci volume…“. Dopo qualche minuto di attesa, comparirà una finestra che vi illustra lo stato della partizione presa in considerazione. In particolare, a voi interessa la voce “Spazio di riduzione disponibile in MB“. L’unità di misura utilizzata è il MB, quindi se vedete ad esempio un valore come 60.000, questo equivale in realtà a 60 GB. Dicevo che questo valore è importante perché vi permette di farvi un’idea di quanto spazio potete utilizzare per la partizione da dedicare a Ubuntu. Questo spazio, non può superare quello indicato dal campo “Spazio di riduzione disponibile in MB”.

Nelle specifiche ufficiali viene detto che i requisiti consigliati per poter installare Ubuntu sono di 8 GB, vi consiglio di dedicare ad Ubuntu una partizione di 12 GB perché in questo modo, non sarete troppo tirati con lo spazio e anche perché in seguito dovrò farvi una creare anche una partizione di swap. Come fare per creare questa partizione da 12 GB? Molto semplice! Sempre dalla finestra dove è presente la voce “Spazio di riduzione disponibile in MB”, individuate quella chiamata “Specificare la quantità di spazio da ridurre, in MB“. Nel campo corrispondente, inserite il valore “12000” e poi cliccate su “Riduci“. Se volete essere precisi e ottenere esattamente 12 GB di spazio libero, allora inserite il valore “12288“. Dopo qualche secondo, la procedura verrà portata a termine e la finestra si chiuderà da sola. Se ora guardate la schermata iniziale, quella da dove avete cliccato sulla partizione “(C:)” e guardate la rappresentazione grafica del vostro hard disk, noterete che si è formato un nuovo volume che, sotto la sua dimensione, riporta la scritta “Non allocata“. A questo punto, chiudete anche questa finestra e riavviate il computer per portare a termine la procedura come si deve. Nella partizione che avete creato, potrete installare Ubuntu.

Come installare Ubuntu in dual boot con Windows 7, Windows Vista o Windows XP
Dopo aver inserito il CD di Ubuntu e aver configurato il Bios in modo tale che il sistema si carichi attraverso il supporto CD ROM, attendete che si carichi la prima schermata di Ubuntu. Nella schermata di benvenuto (“Welcome“), cliccate su “Italiano“, posto sulla barra laterale sinistra in modo da tradurre il wizard di installazione nella nostra lingua e poi cliccate su “Installa Ubuntu“. Comparirà una nuova schermata che illustra lo stato del vostro computer e vi dice se potete andare avanti o meno con l’installazione. Ora, se vedete che non siete connessi a internet o non avete una connessione a banda larga, non mettete la spunta su “Scaricare gli aggiornamenti durante l’installazione“. Se invece, Ubuntu rileva che siete connessi a internet e sapete che la vostra connessione non si affida ancora ai vecchi modem a 64 K, mettete pure la spunta su “Scaricare gli aggiornamenti durante l’installazione“. Non mettete invece la spunta su “Installare software di terze parti“. Ci sarà poi tempo per farlo.

Fatto questo, cliccate su “Avanti”. Dopo qualche istante, comparirà una nuova finestra dal titolo “Allocazione spazio su disco“. Voi, mettete la spunta su “Specifica manualmente le partizioni (Avanzato)“. Cliccate su “Avanti”. Comparirà una nuova schermata che illustra graficamente com’è suddiviso il vostro hard disk. Nella tabella che comparirà, sotto la voce “Device“, cercate quella che fa riferimento alla partizione vuota che vi avevo fatto creare in una delle guide precedenti. Dovrebbe essere identificata con il nome “spazio libero“. Se non avete ancora creato una partizione nel vostro hard disk, cliccate qui per leggere la guida relativa a Windows XP oppure qui per la guida dedicata a Windows 7 e Windows Vista. Dopo averla trovata, cliccateci sopra una volta con il tasto sinistro del mouse in modo tale da evidenziarla. Poi, cliccateci sopra con il tasto destro del mouse e cliccate su “Aggiungi…“. Comparirà una nuova finestra dal titolo “Crea partizione“. Ora dobbiamo creare due partizioni. Cominciamo con il creare la partizione di swap.

Come creare la partizione di swap per Ubuntu
Dalla finestra che si è appena aperta (“Crea partizione”), dove c’è “Tipo della nuova partizione“, mettete la spunta su “Primaria“. Nel campo che fa riferimento a “Nuova dimensione della partizione in megabyte (1000000 byte)“, dovete inserire la dimensione che volete dare a questa partizione. È un valore che varia in base a quanta ram avete a disposizione. Se il vostro computer ha 512 MB o 768 MB, inserite il valore pari ad almeno 1 GB o un 1,5 GB. Se avete un quantitativo di ram superiore e se pensate di utilizzare Ubuntu in situazioni normali, come ad esempio navigazione internet, Office, musica e film, allora potete creare una partizione anche di soltanto 512 MB. Se invece pensate di fare un uso intensivo con programmi pesanti, allora create la partizione con una dimensione pari al quantitativo di ram disponibile sul vostro PC. Dato che dovete inserire il valore in MB, se volete creare la partizione da 1 GB, inserite il valore 1024; se dovete creare una partizione da 2 GB, inserite il valore 2048. 1,5 GB invece, corrisponde a 1536 MB.

  • Dove c’è la voce “Posizione della nuova partizione“, mettete la spunta su “Inizio“.
  • Alla voce “Usare come:“, scegliete “area di swap“.
  • La partizione non ha nessun punto di mount e infatti, non dovrebbe essere nemmeno selezionabile.

Dopo che avete impostato tutti i valori in modo corretto, cliccate su “OK”. Attendete qualche istante necessario per la creazione della partizione.

Come creare la partizione per il File System di Ubuntu
A questo punto, dovete create una seconda partizione. Come vi ho spiegato precedentemente, cliccate una volta con il tasto sinistro del mouse sulla partizione “spazio libero” in modo tale da evidenziarla. Poi, cliccateci sopra con il tasto destro del mouse e cliccate su “Aggiungi…“.

  • Nella nuova finestra che comparirà, alla voce “Tipo della nuova partizione“, mettete la spunta su “Primaria“.
  • Alla voce “Nuova dimensione della partizione in megabyte (1000000):“, lasciate il valore che è già impostato. Infatti, sarà uguale alla dimensione della partizione che avevate creato in precedenza tramite la mia vecchia guida meno la dimensione dedicata alla partizione di swap. Vi ricordo che le dimensioni consigliate per questa partizione devono essere di almeno 8 GB, quindi circa 8000 MB.
  • Alla voce “Posizione della nuova partizione:“, mettete la spunta su “Inizio“.
  • Alla voce “Usare come:“, questa volta impostate “File system ext3 con journaling“.
  • Alla voce “Punto di mount:“, inserite il simbolo “/“, senza virgolette!
  • Dopo aver impostato tutti i valori, cliccate su “OK”.

Nella schermata principale, vedrete che si sarà creata una nuova partizione che avrà come tipo “ext3”. Assicuratevi che tale partizione abbia la spunta su “Formattare?“. Dovrebbe essere già messa in automatico. Nel caso non lo fosse, mettetela voi. A questo punto, non vi rimane che cliccare su “Installa“.

gparted

Avvio dell’installazione di Ubuntu
Comparirà la schermata “Località“. Potete decidere di lasciare “Rome” oppure inserire la città in cui effettivamente abitate. Se è presente nel database interno, comparirà tra le scelte nel menu a tendina. Per impostarla, cliccateci sopra una volta con il tasto sinistro del mouse. Fatto questo, cliccate su “Avanti”. Comparirà poi, la schermata relativa alle impostazioni della tastiera. Ovviamente, cliccate su “Italia” sulla lista di sinistra. Per sicurezza, cliccate ancora su “Italia” anche nella colonna di destra. Se, invece, avete delle particolati esigenze, come ad esempio l’impostare la tastiera USA tramite le lettere italiane, allora scegliete la voce corretta fra le voci disponibili sulla colonna di destra. Per essere sicuri della vostra scelta, provate a scrivere nell’apposito campo “Digitare qui per provare la tastiera“. Dopo che avete impostato il tutto, cliccate su “Avanti”. Troverete la schermata “Informazioni personali“. Compilatela, inserendo i vostri dati. Possono essere anche nomi di fantasia. L’unica cosa a cui dovete fare attenzione è quella di inserire il nome utente con la lettera minuscola. Altrimenti, non vi permetterà di andare avanti con l’installazione. Scegliete una password, che vi ricordate facilmente, altrimenti dopo non potrete più accedere al sistema o non potrete comunque eseguire certe operazioni.

Lasciate la spunta su “Richiedere la password personale per accedere”. Potete anche non mettere la spunta su “Cifrare la cartella personale“. Fatto questo, cliccate su “Avanti”. Non vi resta che attendere la fine della procedura di installazione! Quando tutte le operazioni saranno state eseguite, comparirà una finestra che vi dice che l’installazione è stata completata. Voi, cliccate su “Riavvia ora“. Il CD verrà estratto da solo. Rimuovetelo e chiudete il lettore. Poi, premete il tasto “Invio” da tastiera. Comparirà una nuova schermata . Lasciate selezionata la voce “Ubuntu, with Linux 2.6.35-22-generic“ o simile e premete il tasto “Invio“. Dopo qualche istante, si avvierà Ubuntu! Cliccate sul nome utente una volta con il tasto sinistro del mouse, inserite la password che avete specificato in fase di installazione e cliccate su “Accedi”. Ecco a voi Ubuntu!

Fonte | giainelsecrets.com

Guida al dual boot di Windows 7 e Linux Ubuntu ultima modidfica: 2011-07-05T11:11:29+00:00 da Electropage
Potrebbe interessarti

Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione.
Scorrendo questa pagina senza modificare le impostazioni dei cookie, cliccando su un
elemento o su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi